Agraria del Canaletto - La Spezia

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Premessa

E-mail Stampa

 

La valutazione agronomica dei fertilizzanti contenenti carbonio (C) organico di origine biologica (concimi organici, organo-minerali, ammendanti organici naturali) deve sempre tenere conto, oltre che della frazione minerale, anche e soprattutto della sostanza organica in essi contenuta.

Tale valutazione è riconducibile, fondamentalmente, a due aspetti: l'uno quantitativo e l'altro qualitativo.

La valutazione quantitativa della presenza di C organico è senz'altro quella di più facile esecuzione e di immediata comprensione: è sufficiente infatti verificarne l'entità  del titolo. Tuttavia, questo dato non ci dice nulla né sul tipo di matrice organica presente, né sul suo grado di stabilizzazione e maturazione (umificazione).Così, fertilizzanti con titoli in C organico di origine biologica identici potrebbero risultare dal punto di vista agronomico anche completamente differenti. Con il solo titolo in C organico, infatti, non si è in grado, paradossalmente, di distinguere un concime organico N da uno NP, oppure un ammendante compostato da una torba o da una leonardite. L'atomo di C (organico) di una proteina è chimicamente identico a quello della cellulosa, ovvero della lignina.

Sotto l'aspetto qualitativo, invece, la complessità  dell'indagine certamente aumenta, ma diventa più affascinante e con notevoli e importanti implicazioni di ordine agronomico. Le ragioni sono diverse, ma sostanzialmente riconducibili alla diversa struttura molecolare delle matrici (proteine, cellulosa, lipidi, lignina, sostanze polifenoliche), alla presenza di sostanze umiche (acidi umici, fulvici e sostanze umosimili) e alla disponibilità  di strumenti analitici capaci di compiere queste indagini. Le conoscenze sulle caratteristiche delle matrici organiche è fondamentale, ad esempio, per comprendere la velocità  dei processi di mineralizzazione e di umificazione, di valutare l'interazione con le componenti minerali aggiunte in fase di preparazione del fertilizzante e successivamente del prodotto somministrato al terreno.

 

Rubriche/Guide